A Roma respinti dalle forze dell’ordine

I familiari delle vittime delle stragi italiane (fra cui Il Mondo Che Vorrei) riunite in un coordinamento nazionale erano presenti in massa a Roma per mostrare i loro striscioni all’apertura dell’anno giudiziario. Volevano farlo nelle vie adiacenti a Palazzo di Giustizia in area non interdetta. Malgrado avessero informato i responsabili delle forze dell’ordine delle loro intenzioni è stato impedito di accedere.

Chi dovrebbe difenderci -affermano i responsabili dell’associazione Il Mondo Che Vorrei- ha schierato i propri uomini contro di noi. La giustizia e la verità ne escono sconfitte. Con simili gesti hanno voluto dimostrare quanto sincerità e correttezza non siano apprezzate. Questo è un modo proprio di chi ti vuole spingere ad un comportamento scorretto in quell’area grigia nella quale noi assolutamente non vogliamo scivolare e che non ci appartiene affatto. Noi continueremo a credere e pretendere giustizia per i nostri cari, così come quei poliziotti presenti a Roma che tolta la divisa torni ad essere padre e madre”.

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply