Processo-bis Genova…. le parole di Adele Chiello

E’ iniziato a Genova la prima udienza del processo per l’inchiesta bis sulla costruzione della Torre Piloti di Genova, crollata il 7 maggio 2013 dopo l’urto con il cargo Jolly Nero causando 9 morti. Naturalmente una delle prime ad arrivare nell’aula Adele Chiello che stringe in mano la foto di suo figlio, Giuseppe Tosa.

“Quello per cui ho lottato -afferma Adele Chiello- evidentemente ti porta un frutto, però non abbiamo finito. Questo è solo l’inizio, mio figlio ci credeva nella giustizia uguale per tutti e ci devo credere anche io. Quella torre vibrava, l’ascensore si bloccava e spesso quando c’era vento veniva a mancare l’energia elettrica, nonostante le continue segnalazioni nullo è stato fatto… poi quel maledetto giorno il 7 maggio l’urto con il cargo e la morte di 9 persone fra cui mio figlio Giuseppe

Ministeri dei Trasporti e della Difesa tra i responsabili civili che il giudice ha citato in questa prima udienza. La richiesta di chiamata era stata proposta dagli avvocati Massimiliano Gabrielli, Alessandra Guarini e Cesare Bulgheroni, legali di Anmil e nel processo principale di Adele Chiello, madre di Giuseppe Tusa, una delle vittime, e artefice dell’opposizione a una prima richiesta di archiviazione proposta dal pm Walter Cotugno, lo stesso a cui è stata affidata l’indagine sul collasso del ponte Morandi.Oltre ai due ministeri, il tribunale ha citato come responsabili civili anche Autorità portuale, Capitaneria di porto, società rimorchiatori, Corpo piloti e il Consiglio superiore dei lavori pubblici. A processo ci sono 12 persone e due società tra progettisti della Torre, collaudatori e datori di lavoro. Tra loro anche l’ex comandante di tutte le Capitanerie di porto italiane, Felicio Angrisano, all’epoca capitano del porto di Genova e ora in pensione.

Presente anche l’associazione Il Mondo Che Vorrei sempre al fianco di Adele Chiello in questa lotta per conoscere verità e giustizia sull’accaduto. 

Nella foto il socio Ino Cecchinelli insieme ad Adele.

 

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply